Baby Shower: dall'estero una tradizione a piccoli passi - Petralonga

È proprio vero: ogni occasione è perfetta per organizzare una festa.
Non c’è alcun bisogno di aspettare i momenti più iconici della propria vita per celebrare in grande stile, o al contrario in stile minimal. La gioia, e l’eccitazione, certamente non mancheranno.
È altrettanto vero però che quando questa fusione c’è – quella tra un momento speciale e una festa originale e ben fatta – è davvero difficile non esserne entusiasti.
Per indovinare di cosa parliamo oggi, lanciamo qualche dettaglio: un tavolo pieno di vassoi colorati,  una strambissima e forse un po’ kitsch “torta” di pannolini, nastri colorati, palloncini, e chi più ne ha più metta! 

Direttamente dall’anima festaiola americana, è ormai diffusa anche in Europa – e in Sicilia! – la tradizionale Baby Shower. 

 

È una bellissima idea celebrare l’arrivo imminente. Che sia un’uscita tra amici, una festa intima di famiglia, una gigantesca riunione che raccolga un po’ tutti sotto lo stesso tetto – o gazebo, o sotto le stelle, sarà un’occasione da ricordare. 

 

 

Photo: Pinterest

• SI COMINCIA!

Tra il sistemare la nuova cameretta, il montaggio frenetico degli ultimi mobili e quel leggerissimo nervosismo che circonda gli ultimi due mesi della dolce attesa, può sembrare strano dover stiracchiare i tempi e trovare un momento di pace per festeggiare. 

In realtà, tutta la stanchezza e lo stress dei mesi preparatori al grande evento sono ottime motivazioni per lasciarsi andare per l’occasione. 

Questa festa a volte è organizzata dai futuri genitori – una cosa spesso apprezzata da amici e parenti che magari temono di esagerare e ”imporre” la festa. In altri casi, la Baby Shower sia il frutto di sussurri e messaggi frenetici tra amici e parenti: poco importa, il risultato sarà comunque fantastico. 

Di solito, la scelta della data cade tra il settimo e l’ottavo mese – la fatica c’è, ma la voglia di rilassarsi circondati da persone care pure. 

Sebbene l’idea generale di una festa a sorpresa sia solitamente bella e divertente, nel caso di una Baby Shower c’è da considerare il benessere fisico e psicologico della futura mamma. Optate per una consultazione informale prima di organizzare il tutto: è sempre una buona idea esser certi di creare una cosa gradita soprattutto alla festeggiata, e in generale alla famiglia che cresce. 

• A TUTTO TEMA. 

Ormai chi ci legge lo sa: siamo dei fan sfegatati delle feste a tema. 

Scegliendo un tema specifico da indicare agli invitati e che raccolga ogni dettaglio, dal luogo della festa ai regali per gli ospiti, passando per il cibo e le decorazioni. Selezionare un tema aiuta a creare un’occasione unica, originale, e a coinvolgere la propria personalità e il proprio gusto. 

Nel caso delle Baby Showers, non facciamoci ingannare: non è assolutamente detto che bisogna limitarsi alle palette di azzurro e rosa, o che il tema “baby” debba essere predominante. 

Conoscere i gusti dei neo-genitori è utilissimo: aiuta a scegliere un tema che rappresenti davvero la famiglia. Questa personalizzazione aiuta anche ad optare per una soluzione eccessivamente generica. 

Oltre ai classici temi (tropicale, silver & gold, boho) eccovi di seguito un paio di idee che potrebbero dare una spennellata di originalità al vostro evento: 

  • Magia: se i futuri genitori sono amanti del mondo di maghi e streghe, organizzare una festa con questo tema è un sicuro successo!
  • Musica: fondere i gusti musicali della famiglia – anche quando non coincidono! – nella festa è un’ottima idea. Oltre a dare un tema, offre l’occasione di creare giochi a base musicale che sono un evergreen delle feste di qualunque generazione.

  • Natura: dalla savana alla foresta, dai picnic in aperta campagna fino al ricreare una spiaggia DIY, con sabbia modellabile e sedie a sdraio sparse per la casa! Le combinazioni per organizzare una festa che coinvolga la natura nel tema sono praticamente infinite. 

 

Photo: Pinterest

SÌ O NO: COSE DA NON DIMENTICARE, E COSE DA EVITARE.

È tutto pronto: location, decorazioni, il clima festaiolo e gli invitati sono pronti a celebrare la fine di un percorso che è l’inizio di una grande avventura. 

Nel lasciarsi trascinare dall’entusiasmo è facile – e legittimo – commettere qualche errore, o abbandonarsi a qualche dimenticanza. 

Per aiutarvi a rendere l’occasione davvero perfetta, eccovi una lista di cose che è meglio non dimenticare, e cose che invece è bene evitare di fare! 

DOVE?

: che siano i futuri genitori o amici e parenti ad organizzare, è importante considerare lo spazio. Pensate ai giochi e attività per intrattenere gli ospiti, ad una zona per il banchetto – anche solo per bevande e qualche stuzzichino. Pensate anche all’immancabile area per i regali che potranno esser molto piccoli come un buono-acquisto o molto grandi come una culla estendibile! Date un’occhiata qui, per un esempio di una location da sogno, perfetta per qualunque tema abbiate in mente, e con tanto spazio a disposizione sia all’aperto che all’interno!

No: non scegliete un posto che per quanto bello e suggestivo possa avere delle restrizioni. Considerate la libertà di movimento, la sicurezza della futura mamma (evitate scale ad esempio, o superfici che potrebbero esser scivolose) e degli ospiti. Evitate anche di scegliere una location che abbia un tono diverso rispetto al tema, o all’atmosfera che avete inteso per la festa.

INVITI?

: che abbiate o meno a disposizione un budget generoso, gli inviti fatti a mano o personalizzati per quanto semplici sono sempre molto graditi. Le informazioni devono includere, oltre al dove al quando, il tema, e se è prevista o meno una lista regali – con eventuali indicazioni a riguardo. 

No: non sentitevi in obbligo di includere tutti, o tanti invitati, solo per non scontentare nessuno. Parlate con i festeggiati – nel caso non siano loro ad organizzare tutto – e offrite suggerimenti, non obblighi. Può diventare una discesa da un piccolo party ad una faticosa enorme occasione, se non si presta attenzione! 

RINFRESCO?

: includete nell’invito la possibilità di specificare le preferenze alimentari, possibili intolleranze e allergie, da parte dei partecipanti. Organizzate quindi il rinfresco in base sia al budget – bevande analcoliche e simpatici stuzzichini sono sempre graditi – e tenendo in considerazione quanto segnalato dagli invitati. Questa piccola attenzione verrà certamente gradita. 

No: soprattutto nel caso di una baby shower evitate, se come futuri genitori siete organizzatori del party, di incaricarvi della cucina. Per quanto si possa amare star ai fornelli, creare un menù per una festa con la fatica e gli impegni del momento può essere molto complicato. Di contro, arruolare amici e parenti per dare una mano è un gesto gentile verso voi stessi, e una occasione molto carina di lavoro di squadra! Non abbiate paura a chiedere una mano: vi stupirete di quanta gente entusiasta di aiutarvi troverete.

REGALI?

: specialmente nel caso di una prima baby shower, è tipico da parte degli invitati portare un regalo. Non abbiate timore di creare e suggerire una lista nascita ai partecipanti. In molti saranno felici di avere un’idea che possa esservi certamente utile e gradita, che sia una e-lista o una selezione di prodotti e servizi utili al nascituro e ai neo-genitori in un negozio locale. Un esempio tutto a km 0? La siciliana Rossella e il suo meraviglioso Once Upon a Time Lab renderanno la scelta di un regalo un’occasione piena di colore, di originalità, e di qualità. Questo laboratorio artigianale di tessuti è una fucina di idee per kit nascite, asilo, e tantissimi oggetti per l’infanzia (e non!) realizzati a mano e con materiali resistenti e di ottima qualità. 

No: non complicate eccessivamente le cose, e non siate irragionevoli con la selezione di regali. Fatevi consigliare dagli addetti ai lavori o da chi ha già esperienza in merito, che siano la famiglia o gli amici o i gestori dei negozi a cui vi rivolgerete. Non fatevi prendere dall’entusiasmo di tutto ciò che sembra carino ma che non ha una vera utilità. Ci sono tantissime scelte di oggetti utili e gradevoli, e i consigli di chi c’è già passato sono preziosi. 

DOPO?

: un piccolo regalino per ringraziare chi è intervenuto alla festa non può che risultare gradito. Non lasciatevi intimorire da un budget meno esteso: anche un semplice biglietto con un pacchetto di semi di fiori di stagione da piantare, o un dolcetto fatto in casa e un messaggio di ringraziamento andranno più che bene. 

No: la festa perfetta è breve, ma (banalità!) intensa. Una celebrazione troppo lunga – che vada oltre le due ore ad esempio – potrebbe risultare stressante per i festeggiati e per gli invitati. Non cercate di trattenere gli ospiti con liste interminabili di giochi e di attività da fare, ma concentratevi sulla qualità del momento che state regalando ai futuri genitori, e a chi è intervenuto per festeggiare!

Vi abbiamo lanciato qualche scheggia di idea per costruire una Baby Shower da ricordare. Se la cosa vi intriga e volete saperne di più, lo staff di Petralonga è a portata di click. 

You have Successfully Subscribed!

Pin It on Pinterest